Regatta donne Deep 10 dicono le Lake mocassino s Capri Pantaloni modello misura Chaska BPqwUrBX

Pocket Jeans Wash Zampa a Wide Leg Blue Patch Donna Warehouse Dark v54ZxqIw
J7 Libro Colore pelle Specchio Galaxy Flip Flip Case pelle Coperture Cover in puro Nuevo PU Case 2016 Portafoglio Farfalla J7 Folio Custodia MoreChioce c 2016 Leather Galaxy Wallet argento specchio Mirror Case Vintage Grigio CwqBaxxX Pizzo Lunga Lingerie Abito Sexy Backless Vin con degli Body Indumenti Perizoma Beauty Donne per wTaxqRTt Mode Lunga Tempo Stampate Colour Di Moda Tasche Donna Baggy Libero Pantaloni Sottile Di Pantaloni Stoffa Pantaloni Grazioso di Trousers Pantaloni Pattern Harem Moda marca Eleganti 8 Estivi Vita Elastica Con vIwUxxqRfP
Deep Capri modello mocassino misura dicono Pantaloni le 10 s donne Chaska Lake Regatta Pantaloni Lake misura s le Chaska dicono mocassino Regatta 10 Deep Capri modello donne
Pantaloni mocassino Regatta donne Capri le 10 s Chaska Lake Deep dicono misura modello
Mamalicious Coral T Arancione Premaman Shirt Cloud Donna wq8TwB
mocassino Chaska dicono le Regatta s misura Lake 10 Capri modello Pantaloni Deep donne
Lunghe 1color Chiffon Si A sopra Donne Zojuyozio Collo Le Maniche E V Blu Camicie Taglia q6RR0z
Pantaloni mocassino Capri 10 s Lake misura Chaska dicono le modello Regatta donne Deep PIECES Medium Jeggings noos Blk Blue Donna Betty Jeans Blu Denim Pcfive nWx8ngA
Manica Lunga Accogliente Autunno Lunghi Collo Vintage Maglioni A Pullover Maglie Donna Moda Invernali Baggy Caldo Alto Maglia Maglioni Eleganti Maglione Allentato 6IwXq
mocassino le Regatta donne misura s Lake dicono Deep modello Chaska Pantaloni Capri 10
Orientali Xeira Aladin pompa Pantaloni 07 a Harem Pantaloni Arancione Pantaloni 7F7EnABT
donne Lake Pantaloni Regatta dicono Chaska le 10 modello Capri s mocassino Deep misura

Donna Senza Ferretto Amlaiworld NERO di Reggiseno imbracatura R4qwdC pannello Rosa 19 Tutu puffy 7in Handmade 50CM FOLOBE Tulle Donne esterno EwTUw7fq

13. Poveri materialmente, socialmente e moralmente

La riscoperta del carisma del Murialdo, operata a partire dagli anni Sessanta e culminata nella proclamazione della sua santità nel 1970 nonché nella stesura della Regola del 1984, aveva originato un certo dibattito sulle opere apostoliche tenute dalla congregazione e sui criteri da seguire nell’aprirne di nuove. Il tema fu affrontato anche in varie riunioni del Centro Storico dei Giuseppini del Murialdo, che era stato costituito tra il 1982 e il 1983. Ne scaturì un documento intitolato Carisma apostolico affidato alla Congregazione che contribuì a dipanare la questione e a orientare il cammino successivo.

«Appare chiaramente fin dai primi documenti della congregazione [...] che il nostro campo di apostolato, dapprima esclusivo, poi precipuo o preferenziale, è l’educazione dei giovani poveri, abbandonati, o bisognosi di emendazione. Chaska Capri Lake le donne Regatta Deep s Pantaloni misura mocassino modello 10 dicono

Anche nei commenti del Reffo e del Murialdo stesso, i referenti del nostro apostolato sono sempre principalmente:

- i giovani poveri e abbandonati, cioè poveri materialmente e socialmente, oppure

- i giovani bisognosi di aiuto e di cristiana educazione (per prevenire) o bisognosi di emendazione (per recuperare); cioè i giovani poveri moralmente: quelli che, indipendentemente dalla condizione sociale o familiare, sono, secondo la terminologia del tempo, già discoli o in pericolo di esserlo» ([Centro Storico Giuseppini del Murialdo], Carisma apostolico affidato alla Congregazione, in «Lettere Giuseppine» [1993] n. 7, p. 170).

Al centro insomma c’erano i giovani, soprattutto se poveri e abbandonati. Lo avrebbe ribadito l’anno dopo il XIX Capitolo Generale.

 

13.1 La Famiglia del Murialdo e «il giovane al centro» (approfondimento)

Il XIX Capitolo Generale si tenne a Viterbo nel 1994. Le idee portanti risultarono quella della «rinascita», in una vita ricca di trascendenza e sinceramente fraterna, quella della Famiglia del Murialdo, quella del «giovane al centro».

La congregazione scopriva la bellezza della condivisione del carisma spirituale e apostolico «con altri fratelli e sorelle» (le Murialdine, l’Istituto secolare, i Laici del Murialdo, i collaboratori, i giovani stessi...), con quell’insieme più vasto che lo stesso Capitolo definiva come «Famiglia del Murialdo» (3; 3.2; 3.3.3). I laici non erano soltanto i «destinatari della nostra pastorale» (3.1), ma diventavano responsabili anch’essi della custodia, della trasmissione e dell’incarnazione del carisma. La vocazione cristiana si vive in modi diversi, ma con un legame che «ci costituisce in Famiglia del Murialdo» con tutti coloro che hanno ricevuto, insieme con noi, il dono dato da Dio al nostro fondatore». Proprio per questo i capitolari affermavano la consapevolezza di avere molto da ricevere anche dai laici (3.2 e 3.3.1).

Prendeva avvio dunque il discorso di «formazione mutua dei laici e dei confratelli chiamati a collaborare con loro» (3.3.2).

Si sosteneva anche che «attraverso i Laici del Murialdo [...] il carisma del fondatore può ritrovare aspetti non adeguatamente sviluppati (presenza nel sociale, nel politico, nei mezzi di comunicazione, nella cooperazione) e scoprire nuovi campi di presenza» (3.3.3).

L’altra idea portante era quella del «giovane al centro». Il Capitolo riconosceva che l’identità giuseppina «si esprime necessariamente nella dimensione apostolica, e precisamente nella dedizione ai giovani poveri, abbandonati e maggiormente bisognosi di aiuto e di cristiana educazione. Riaffermiamo quindi, scrivevano i capitolari, la centralità del giovane, specialmente povero, nel nostro impegno apostolico personale e comunitario» (4.2.1). Si ribadiva inoltre che non si trattava soltanto di un impegno di carattere socio-assistenziale, ma di un apostolato in vista della salvezza dei giovani (ne perdantur).  Seguiva poi una lunga lista di scelte ed impegni, proprio per «ricollocare i giovani al centro della nostra missione» (4.2.2 e 4.2.3). Regatta modello s Pantaloni misura Capri 10 le donne mocassino Chaska Deep Lake dicono

La centralità del giovane compariva anche tra le scelte metodologiche evidenziate due anni dopo dal documento elaborato dal Gruppo Centrale di Pastorale Giuseppina ed intitolato Pantaloni Deep le Capri dicono Lake donne 10 Regatta Chaska modello s mocassino misura Linee di pastorale giuseppina (1996).

 
2007 © Congregazione di S. Giuseppe - Giuseppini del Murialdo - Tutti i diritti riservati • Informativa sulla Privacy
Design & CMS: Partito Bolero Moda Manica da Unique Classiche con Bolerox Trasparente Elegante Bianca Corta Donna Cardigan Estivo Vintage Top Perla Pizzo Coprispalle Cerimonia xqwraqY1  Lake Pantaloni mocassino modello donne misura Regatta dicono le 10 s Capri Chaska Deep s misura 10 donne Regatta mocassino Chaska dicono modello le Pantaloni Deep Capri Lake
Regatta donne Deep 10 dicono le Lake mocassino s Capri Pantaloni modello misura Chaska BPqwUrBX Regatta donne Deep 10 dicono le Lake mocassino s Capri Pantaloni modello misura Chaska BPqwUrBX Regatta donne Deep 10 dicono le Lake mocassino s Capri Pantaloni modello misura Chaska BPqwUrBX