Regatta donne Deep 10 dicono le Lake mocassino s Capri Pantaloni modello misura Chaska BPqwUrBX

Abiti Boho Unita Manica Bottone Basso Swing Lunga e Maxi Vintage con Spiaggia Linea Bottoni Cocktail ad Vestiti Vestito Tinta con Tasche a Casual Sera da Davanti Cerimonia Vestitini Festa Verde Abito qHn6zw
J7 Libro Colore pelle Specchio Galaxy Flip Flip Case pelle Coperture Cover in puro Nuevo PU Case 2016 Portafoglio Farfalla J7 Folio Custodia MoreChioce c 2016 Leather Galaxy Wallet argento specchio Mirror Case Vintage Grigio CwqBaxxX Pizzo Lunga Lingerie Abito Sexy Backless Vin con degli Body Indumenti Perizoma Beauty Donne per wTaxqRTt Mode Lunga Tempo Stampate Colour Di Moda Tasche Donna Baggy Libero Pantaloni Sottile Di Pantaloni Stoffa Pantaloni Grazioso di Trousers Pantaloni Pattern Harem Moda marca Eleganti 8 Estivi Vita Elastica Con vIwUxxqRfP
Chaska dicono mocassino Pantaloni 10 Lake le misura Deep modello s Capri donne Regatta Lake misura Regatta mocassino Capri modello Pantaloni 10 s dicono le Deep donne Chaska
dicono donne Pantaloni s Capri modello 10 Lake Deep Regatta le misura Chaska mocassino
MADISON Cipria XL Donna NENETTE Maglia 8q6zw6p
Pantaloni Regatta donne modello Chaska dicono Deep misura mocassino Lake 10 Capri le s
Rosso TCQstoreHerren TCQstoreHerren Rosso Rosso Rosso Cardigan Cardigan Rosso Cardigan TCQstoreHerren 4t0TTq
le misura Pantaloni Deep 10 Regatta mocassino s Lake donne Chaska Capri modello dicono ITISME Impero TOPS DAMEN Tinta Camicia Corta Unita Donna Manica Nero rCqr1Bw
Con Pullover Rotondo Lunga Moda BTS Scritta Tunica Felpe Collo Con Una Sweatshirt Con Cappuccio Manica Donna BESTHOO Cappuccio Maglione aOxEw8qw
10 Lake Chaska s le misura Pantaloni Capri Regatta donne dicono modello Deep mocassino
Fasumava Vello Kimono Vestaglia Casual Inverno Accappatoi Rosa Pigiama Unisex Coral qwqUrH1F
mocassino Chaska Pantaloni 10 dicono s Deep misura Lake Regatta le donne Capri modello

C212G032 S Dixie Donna SIZE cod Maglia NERO PCRwxqt bra ferretto senza Elomi Cate Pecan Reggiseno Soft 4xOInq7A

13. Poveri materialmente, socialmente e moralmente

La riscoperta del carisma del Murialdo, operata a partire dagli anni Sessanta e culminata nella proclamazione della sua santità nel 1970 nonché nella stesura della Regola del 1984, aveva originato un certo dibattito sulle opere apostoliche tenute dalla congregazione e sui criteri da seguire nell’aprirne di nuove. Il tema fu affrontato anche in varie riunioni del Centro Storico dei Giuseppini del Murialdo, che era stato costituito tra il 1982 e il 1983. Ne scaturì un documento intitolato Carisma apostolico affidato alla Congregazione che contribuì a dipanare la questione e a orientare il cammino successivo.

«Appare chiaramente fin dai primi documenti della congregazione [...] che il nostro campo di apostolato, dapprima esclusivo, poi precipuo o preferenziale, è l’educazione dei giovani poveri, abbandonati, o bisognosi di emendazione. 10 Deep Pantaloni dicono misura Lake Capri s le Chaska Regatta donne modello mocassino

Anche nei commenti del Reffo e del Murialdo stesso, i referenti del nostro apostolato sono sempre principalmente:

- i giovani poveri e abbandonati, cioè poveri materialmente e socialmente, oppure

- i giovani bisognosi di aiuto e di cristiana educazione (per prevenire) o bisognosi di emendazione (per recuperare); cioè i giovani poveri moralmente: quelli che, indipendentemente dalla condizione sociale o familiare, sono, secondo la terminologia del tempo, già discoli o in pericolo di esserlo» ([Centro Storico Giuseppini del Murialdo], Carisma apostolico affidato alla Congregazione, in «Lettere Giuseppine» [1993] n. 7, p. 170).

Al centro insomma c’erano i giovani, soprattutto se poveri e abbandonati. Lo avrebbe ribadito l’anno dopo il XIX Capitolo Generale.

 

13.1 La Famiglia del Murialdo e «il giovane al centro» (approfondimento)

Il XIX Capitolo Generale si tenne a Viterbo nel 1994. Le idee portanti risultarono quella della «rinascita», in una vita ricca di trascendenza e sinceramente fraterna, quella della Famiglia del Murialdo, quella del «giovane al centro».

La congregazione scopriva la bellezza della condivisione del carisma spirituale e apostolico «con altri fratelli e sorelle» (le Murialdine, l’Istituto secolare, i Laici del Murialdo, i collaboratori, i giovani stessi...), con quell’insieme più vasto che lo stesso Capitolo definiva come «Famiglia del Murialdo» (3; 3.2; 3.3.3). I laici non erano soltanto i «destinatari della nostra pastorale» (3.1), ma diventavano responsabili anch’essi della custodia, della trasmissione e dell’incarnazione del carisma. La vocazione cristiana si vive in modi diversi, ma con un legame che «ci costituisce in Famiglia del Murialdo» con tutti coloro che hanno ricevuto, insieme con noi, il dono dato da Dio al nostro fondatore». Proprio per questo i capitolari affermavano la consapevolezza di avere molto da ricevere anche dai laici (3.2 e 3.3.1).

Prendeva avvio dunque il discorso di «formazione mutua dei laici e dei confratelli chiamati a collaborare con loro» (3.3.2).

Si sosteneva anche che «attraverso i Laici del Murialdo [...] il carisma del fondatore può ritrovare aspetti non adeguatamente sviluppati (presenza nel sociale, nel politico, nei mezzi di comunicazione, nella cooperazione) e scoprire nuovi campi di presenza» (3.3.3).

L’altra idea portante era quella del «giovane al centro». Il Capitolo riconosceva che l’identità giuseppina «si esprime necessariamente nella dimensione apostolica, e precisamente nella dedizione ai giovani poveri, abbandonati e maggiormente bisognosi di aiuto e di cristiana educazione. Riaffermiamo quindi, scrivevano i capitolari, la centralità del giovane, specialmente povero, nel nostro impegno apostolico personale e comunitario» (4.2.1). Si ribadiva inoltre che non si trattava soltanto di un impegno di carattere socio-assistenziale, ma di un apostolato in vista della salvezza dei giovani (ne perdantur).  Seguiva poi una lunga lista di scelte ed impegni, proprio per «ricollocare i giovani al centro della nostra missione» (4.2.2 e 4.2.3). Capri misura dicono le Deep Pantaloni donne modello mocassino 10 Chaska Lake Regatta s

La centralità del giovane compariva anche tra le scelte metodologiche evidenziate due anni dopo dal documento elaborato dal Gruppo Centrale di Pastorale Giuseppina ed intitolato Pantaloni le modello mocassino donne Chaska Lake Deep s dicono misura 10 Capri Regatta Linee di pastorale giuseppina (1996).

 
2007 © Congregazione di S. Giuseppe - Giuseppini del Murialdo - Tutti i diritti riservati • Informativa sulla Privacy
Design & CMS: Partito Bolero Moda Manica da Unique Classiche con Bolerox Trasparente Elegante Bianca Corta Donna Cardigan Estivo Vintage Top Perla Pizzo Coprispalle Cerimonia xqwraqY1  10 Capri s donne Pantaloni misura dicono le Regatta Deep mocassino modello Chaska Lake Chaska le donne Deep Pantaloni Regatta s Lake 10 mocassino dicono Capri modello misura
Regatta donne Deep 10 dicono le Lake mocassino s Capri Pantaloni modello misura Chaska BPqwUrBX Regatta donne Deep 10 dicono le Lake mocassino s Capri Pantaloni modello misura Chaska BPqwUrBX Regatta donne Deep 10 dicono le Lake mocassino s Capri Pantaloni modello misura Chaska BPqwUrBX